Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Selezione di volumi Aseq Editrice

Vita e Morte dei Grandi Vichinghi

Vita e Morte dei Grandi Vichinghi

Prefazione di Wu Ming 4
Autore/i: Shippey Tom
Editore: Odoya
Traduzione di Annarita Guarnieri pp. 480, Bologna

In questo affascinante e nuovissimo saggio, Shippey – già erede della cattedra di J.R.R. Tolkien all’Università di Leeds – racconta la vita e la morte di eroi ed eroine del mondo vichingo, esplora il loro modo di pensare e si sofferma in particolare sul fascino che scene di morte esercitavano su di loro.

Vita e Morte dei Grandi Vichinghi esamina la psicologia vichinga, contrapponendo la prova costituita dalle saghe alle testimonianze fornite dalle loro vittime. Il libro offre il resoconto di molte scene di grande spavalderia presenti nella letteratura norrena, inclusi la caduta del casato degli Skjoldung, lo scontro tra le due drakkar, la Ironbeard e la Long Serpent.

Uno dei libri più interessanti ed entusiasmanti sui Vichinghi scritti da una generazione a questa parte, che li presenta non come pacifici esploratori e mercanti, ma per quei guerrieri e razziatori sanguinari che erano. Shippey mette in luce tutti gli elementi di fascino di questo popolo guerriero, abbinando elementi scientifici – che attingono alle ultime scoperte archeologiche – e immaginario pop contemporaneo, da Vikings (la serie tv, più volte citata nel libro) fino al lavoro di Neil Gaiman e Peter Jackson. Uno studio appassionato su individui eccezionali, su poesie e leggende di un lontano passato e su tutto ciò che ha reso i Vichinghi così diversi e speciali.

Stilicone: il Vandalo che Salvò Roma

Stilicone: il Vandalo che Salvò Roma

Autore/i: Hughes Ian
Editore: Libreria Editrice Goriziana
Traduzione di Daniele Ballarini pp. 404, ill. b/n, Gorizia

Nel 395, con la morte di Teodosio il Grande, sembra ormai definitiva la frattura dell’impero romano: se sul trono di Costantinopoli siederà il primogenito Arcadio, nell’Occidente (appena recuperato con la battaglia del Frigido) sarà imperatore Onorio, di appena undici anni. Proprio secondo la volontà di Teodosio, per Onorio sarà reggente Stilicone, membro acquisito della famiglia imperiale nonostante le origini vandale. Ed è proprio Stilicone a muovere le sorti dell’Occidente per oltre un decennio, nel momento determinante a cavallo tra IV e V secolo. Egli, uomo politico e generale, sarà coinvolto alternativamente in alcuni degli ultimi trionfi imperiali e in tragici rovesci dalle ripercussioni insostenibili.
Attraverso la vicenda di un protagonista riscoperto alla luce di fonti di complicata interpretazione, l’autore presenta un quadro dove sono collocati con chiarezza alcuni elementi e figure chiave di una fase convulsa ma affascinante della fine dell’impero romano. lnsieme a Stilicone, il libro inquadra Onorio, Arcadio, Alarico, la corte di Ravenna e quella costantinopolitana, il cristianesimo nelle sue contrapposizioni interne e con i pagani, il senato geloso di privilegi, i barbari federati e le migrazioni incontrollabili: temi e protagonisti sono presentati in pagine di narrazione avvincente e ricerca storiografica rigorosa e competente.

Da Aquileia a Venezia

Da Aquileia a Venezia

Una mediazione tra l’Europa e l’Oriente dal II secolo a. C. al VI secolo d. C.
Autore/i: AA. VV.
Editore: Libri Scheiwiller
A cura di Bruna Forlati Tamaro, Luisa Bertacchi, Luigi Beschi, Maria Carina Calvi, Luciano Bosio, Guido Rosada, Giuseppe Cuscito e Giovanni Gorini. pp. 780, interamente e riccamente ill. a colori, cartina allegata, Milano

Il presente volume, il cui tema concerne un periodo di tempo non lungo e uno spazio non ampio, ha tuttavia orizzonti non meno vasti. Nei due nomi che ne segnano il titolo, Aquileia e Venezia, si compendia infatti una vicenda di grande significato per la storia dell’Europa, anzi dell’intero Mediterraneo: una vicenda che ha visto un importante centro mercantile e artistico dell’Italia nord-orientale, punto d’incontro tra l’impero romano e l’Europa centroorientale, trasmettere la sua funzione a un nascente centro lagunare, destinato a divenire una delle più gloriose sedi della civiltà europea; una potenza di primo piano nella storia mediterranea e un’autorevole regolatrice delle relazioni tra l’occidente e l’oriente, tra l’Europa medievale, Bisanzio e i paesi islamici.
Il libro chiarisce come le esperienze e le memorie di Aquileia hanno concorso a formare quel nucleo materiale e ideale da cui ha avuto inizio la grande storia della Serenissima.

Edizione per conto del Credito Italiano.

Il Libro del Graal

Il Libro del Graal

Giuseppe Di Arimatea, Merlino, Perceval
Autore/i: De Boron Robert
Editore: Adelphi
Introduzione e cura di Francesco Zambon pp. 344, Milano

Poche storie sono state tanto feconde di sviluppi e hanno lasciato un’impronta così profonda e duratura come quella del Graal, il recipiente con cui Gesù celebrò il sacramento eucaristico e nel quale Giuseppe di Arimatea, suo primo custode, avrebbe raccolto il sangue del Salvatore dopo la crocifissione. E tuttavia pochi hanno una diretta conoscenza del testo fondatore del mito, quel Libro del Graal che è anche, in assoluto, il più antico romanzo in prosa della letteratura francese. Nella trilogia narrativa che lo compone – databile ai primissimi anni del XIII secolo e almeno in parte basata su alcuni poemi, giunti a noi frammentariamente, del borgognone Robert de Boron –, la vicenda del Graal assume il carattere di una vera e propria Storia della Salvezza, di cui sono protagonisti i membri di una stirpe eletta da Dio che si trasmette, insieme al sacro calice, una rivelazione esoterica riguardante i misteri più alti della fede. La reliquia verrà poi trasferita in Gran Bretagna, dove sarà al centro delle avventure dei cavalieri della Tavola Rotonda – e qui si staglierà la figura di Merlino, profeta del Graal e guida di re Artù –, per essere infine consegnata al suo terzo e ultimo custode, Perceval. La visionaria «teologia della storia» costruita da Robert de Boron resterà alla base dei vasti cicli romanzeschi composti successivamente – ma forse nessuno di questi attinge la densità simbolica e religiosa del Libro del Graal, che al tempo stesso incanta con una varietà di toni narrativi di sorprendente ricchezza.

Sugli Dèi e Il Mondo

Sugli Dèi e Il Mondo

Autore/i: Salustio
Editore: Adelphi
A cura di Riccardo Di Giuseppe. Testo greco a fronte. pp. 266, Milano

Maestro, collaboratore stretto e successore designato di Giuliano l’Apostata, Salustio concepì questo mirabile trattatello quando lo scontro fra paganesimo e cristianesimo era giunto al suo apice. Con il minimo di parole e il massimo dell’efficacia, egli volle dire ancora una volta – e si dà il caso che fosse l’ultima – che cosa significa essere pagani. Così il sacro, il mito, il divino, il mondo, l’uomo vengono qui presentati alla luce del pensiero neoplatonico, che è il pensiero stesso del tramonto pagano. Raramente su questi vasti temi erano state allineate formule tanto illuminanti: e questo «aureo libello» (secondo la definizione di Athanasius Kircher) può davvero essere considerato il viatico migliore per chiunque voglia avvicinarsi al mito – e dunque avvicinarsi a capire il mondo: «Anche il mondo infatti può esser detto un mito, poiché in esso corpi e oggetti si manifestano, mentre le anime e le intelligenze si nascondono».

Sikanie

Sikanie

Storia e civiltà della Sicilia greca
Autore/i: AA. VV.
Editore: Istituto Veneto di Arti Grafiche
pp. 664, riccamente e interamente ill. a colori, Milano

PRESENTAZIONE DELLA COLLANA, di Silvio Golzio

PREFAZIONE, di Alberto Boyer

INTRODUZIONE, di Giovanni Pugliese Carratelli

STORIA CIVILE, di Giovanni Pugliese Carratelli

MONETAZIONE ED ECONOMIA MONETARIA, di Attilio Stazio

LE ARTI FIGURATIVE

LE ARTI FIGURATIVE DALLE ORIGINI AL V SECOLO A. C., di Giovanni Rizza e Ernesto De Miro

I CERAMOGRAFI DEL IV SECOLO A. C., di Filippo Giudice

IL RILIEVO MONETALE TRA IL VI E IL IV SECOLO A. C., di Salvatore Garraffo

L’ELLENISMO E LA TRADIZIONE ELLENISTICA, di Nicola Bonacasa e Elda Joly

L’URBANISTICA, di Antonino Di Vita Gafà

L’ARCHITETTURA, di Giorgio Gallini

CIVILTÀ LETTERARIA, di Giusto Monaco

LA SCIENZA, di Arpad Szabò

I CONTATTI PRECOLONIALI COL MONDO GRECO, di Giuseppe Vota

TOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA, di Ernesto De Miro

I FENICI E I CARTAGINESI, di Vincenzo Tusa

APPENDICE ICONOGRAFICA

ABBREVIAZIONI

REFERENZE FOTOGRAFICHE

RINGRAZIAMENTI

Italia Omnium Terrarum Alumna

Italia Omnium Terrarum Alumna

La civiltà dei Veneti, Reti, Liguri, Celti, Piceni, Umbri, Latini, Campani e Iapigi
Autore/i: AA. VV.
Editore: Libri Scheiwiller
A cura di Anna Maria Chieco Bianchi, Giovanni Colonna, Bruno D’Agostino, Francesco D’Andria, Ettore M. De Juliis, Raffaele De Marinis, Venceslas Kruta, Maurizio Landolfi, Francesco Roncalli pp. 724, interamente e riccamente ill. a colori, Milano

Indice

I Veneti, di Anna Maria Chieco Bianchi

Le Popolazioni alpine di stirpe retica, di Raffaele De Marinis

Liguri e Celto-Liguri, di Raffaele De Marinis

I Celti, di Venceslas Kruta

I Piceni, di Maurizio Landolfi

Gli Umbri, di Francesco Roncalli

I Latini e gli altri popoli del Lazio, di Giovanni Colonna

Le Genti della Campania antica, di Bruno D’Agostino

L’origine delle genti iapigie e la civiltà dei Dauni, di Ettore M. De Juliis

Messapi e Peuceti, di Francesco d’Andria

Edizione per conto del Credito Italiano

Dall’Eremo al Cenobio

Dall’Eremo al Cenobio

La civiltà monastica in Italia dalle origini all’età di Dante
Autore/i: AA. VV.
Editore: Libri Scheiwiller
Prefazione di Giovanni Pugliese Carratelli, di Natalino Irti pp. 746, interamente e riccamente ill. a colori, Milano

INDICE

PRESENTAZIONE DELLA COLLANA, di Silvio Golzio

PREFAZIONE, di Natalino Irti

PREFAZIONE, di Giovanni Pugliese Carratelli

IL MONACHESIMO OCCIDENTALE DALLE ORIGINI AL SECOLO XI, di Giorgio Picasso

IL MONACHESIMO NEL BASSO MEDIOEVO, di Raoul Manselli ed Edith Pasztor

IL MONACHESIMO ORIENTALE, di ]ean Gribomont

IL MONACHESIMO FEMMINILE, di Edith Pasztor

LA SPIRITUALITÀ MONASTICA DAL IV AL XIII SECOLO, di Claudio Leonardi

FILOSOFIA E TEOLOGIA, di ]ean Leclercq

LA PRESENZA DEL MONACHESIMO NELLA VITA ECONOMICA E SOCIALE, di Friedrlch Prinz

TRADIZIONE CLASSICA E CULTURA LETTERARIA

I. I testi storici, di Giuseppe Billanovich

II. I programmi scolastici, di Claudia Villa

III. La tradizione retorica, di Gian Carlo Alessio

DALLO ’SCRIPTORIUM’ SENZA BIBLIOTECA ALLA BIBLIOTECA SENZA ’SCRIPTORIUM’, di Guglielmo Cavallo

MONACHESIMO MEDIEVALE E ARCHITETTURA MONASTICA

Introduzione, di Angiola Maria Romanini

Architettura monastica: gli edifici. Linee per una storia architettonica, di Marina Righetti Tosti Croa

MINIATURA E PITTURA: DAL MONACO AL PROFESSIONISTA, di Carlo Bertelli

APPENDICE

Una pietà più profonda. Scienza e medicina nella cultura monastica medievale italiana, di Fabio Troncarelli

Impegno liturgico e pedagogico nella vita musicale dei monasteri, di Bonifacio Baroffio e Cristiana Antonelli

ABBREVIAZIONI

REFERENZE FOTOGRAFICHE

RINGRAZIAMENTI

Edizione per conto del Credito Italiano

Pietas Civitas Sapientiae – Anno X N° 14

Pietas Civitas Sapientiae – Anno X N° 14

Autore/i: AA. VV.
Editore: Associazione Tradizionale Pietas
pp. 170, ill. b/n, Roma

Sommario

– Editoriale, a cura di Luca Valentini

– De Misteriis Urbis, Giuseppe Barbera

– Roma: sapienza magico-giuridica e azione rituale sull’invisibile, Giandomenico Casalino

– Essere il Nume. La dimensione magica romana, Luca Valentini

– Il cerchio dell’anno, Paolo Galiano

– A-Thalia: il mito della terra primigenia, Fabrizio Giorgio

– Divinum Secretum: Roma magica ed esoterica, Stefano Mayorca 

– Polemos e il nuovo inizio: la fondazione di Roma e il mondo indoeuropeo, Andrea Anselmo

– Cesare e Augusto: l’origine inesauribile di Roma, Francesco Boco

– Il Gruppo di Ur: una storia italiana tra magia e tradizione romana, Umberto Bianchi

 

L’Italia e il Suo Genio

L’Italia e il Suo Genio

Autore/i: Olschki Leonardo
Editore: Arnoldo Mondadori Editore
Traduzione di Laurana Palombi e Marisa Bulgheroni totalmente riveduta dall’autore pp. 488, 20 tavv. a colori f.t., Milano

Estratto dalla Prefazione

Questo libro consiste di diciassette saggi dedicati agli aspetti fondamentali della civiltà italiana dalle sue origini medievali fino ai nostri giorni. In essi l’autore tenta d’interpretare le vicende di questa civiltà nelle sue manifestazioni coerenti e discordanti di vita, d’arte e di pensiero. In questa nuova esposizione critica della storia politica, civile, intellettuale ed artistica italiana, i tradizionali concetti di progresso e regresso, di primitività e maturità, di rinascenza e decadenza vengono sostituiti da una valutazione equivalente delle sue diverse fasi, considerate nelle espressioni dominanti di volta in volta in ogni epoca del suo millenario sviluppo.
Nei vari orientamenti delle sue energie creative la vitalità di un popolo rimane virtualmente immutata. Essa può esser diretta, o limitata, talvolta anche soffocata da particolari condizioni naturali, politiche, spirituali e sociali, oppure da contingenze di varia natura. Ma nell’insieme questa virtù creativa appare come forza costante nella graduale formazione e nella complessa struttura di una civiltà nazionale…

Visualizza indice

Prefazione

Il paesaggio italiano: l’uomo e la terra

Etnografia sociologica e culturale

Il popolo italiano tra Papato e Impero

Democrazia repubblicana – Feudalismo germanico – Autocrazia papale

L’esaltazione della povertà e la formazione di una civiltà popolare

Teocrazia guelfa e laicismo ghibellino

Dante e la sua cerchia

Il primo sviluppo dell’arte italiana

La formazione delle signorie e la conquista dei mercati

Fonti e origini di una cultura nazionale

Poesia e lettere nella vita italiana

Umanesimo sacro e profano

Artisti e artigiani nella vita italiana

Servitù politica e conformismo intellettuale

La ricerca del vero e la tragedia della scienza

Il trionfo della musica

Epilogo: l’eredità del passato e i problemi del presente

Indice dei nomi

Indice delle illustrazioni

Materialismo Moderno ed Evoluzione Emergente

Materialismo Moderno ed Evoluzione Emergente

Autore/i: McDougall William
Editore: Casa Editrice Europa
Traduzione di Claudia Vicari e Giulio Cogni pp. 252, Verona

Questo libro rappresenta un diretto attacco al problema del proposito umano. Esso vuole dimostrare il fallimento di tutti i tentativi intesi a spiegare meccanisticamente l’azione umana (il che costituisce l’essenza del materialismo moderno), stabilisce che razione deliberata e intenzionale risulta un tipo d’evento radicalmente diverso da ogni evento meccanistico, e giustifica infine la credenza in una causazione teleologica senza la quale non può sussistere né religione né morale.

L’Arte di Vivere il tempo Presente

L’Arte di Vivere il tempo Presente

Dal buddhismo alle neuroscienze
Autore/i: Lama Surya Das
Editore: Corbaccio
Traduzione e cura di Diana Petech pp. 304, Milano

«Dal mattino presto alla sera tardi, dall’asilo alla pensione, passiamo la vita di corsa per risparmiare tempo. Ma cosa succederebbe se il tempo non avesse il controllo su di noi? Se sentissimo, anzi, che il nostro tempo e la nostra vita ci appartengono?»
Il ritmo e le pressioni del mondo d’oggi sembrano non darci tregua; proprio per questo, oggi più che mai, abbiamo bisogno della saggezza che deriva da una delle grandi intuizioni del buddhismo e che L’arte di vivere il tempo presente rende accessibile a chiunque: i minuti e le ore della giornata non scorrono semplicemente dal futuro al presente al passato; ogni istante, infatti, è intersecato da una quarta dimensione temporale. Imparando a vivere in questa dimensione – «il fuso orario del Buddha» – riusciremo a ridurre il livello di stress nelle nostre giornate e troveremo maggiore concentrazione, appagamento, creatività e perfino saggezza nella nostra vita.
Attingendo all’insegnamento del buddhismo tibetano, ad altre tradizioni sapienziali e olistiche, e alle ricerche più recenti nell’ambito delle neuroscienze, Lama Surya Das propone esempi significativi tratti dalla vita di tutti i giorni, esercizi pratici e tecniche di base per cambiare il nostro modo di pensare e per comprendere, finalmente, di avere di fatto tutto il tempo del mondo.

Edifici e Monumenti dell’Antico Egitto

Edifici e Monumenti dell’Antico Egitto

Autore/i: Leacroft Helen; Leacroft Richard
Editore: Casa Editrice Capitol
pp. 44, nn ill. a colori e b/n, Bologna

“Gli archeologi hanno scoperto, scavando nella calda sabbia egiziana, un favoloso tesoro che appartiene a un popolo vissuto tre-quattromila anni prima di Cristo. Gli archeologi, però, non trascorrono la vita a scavare solo per rinvenire oro, argento e pietre preziose, ma per scoprire resti di templi, tombe, abitazioni, suppellettili e oggetti di uso quotidiano che ci aiutino a conoscere la vita, gli usi e i costumi dei popoli antichi.
Anticamente le fertili rive del Nilo erano abitate da molte tribù, che forse vivevano sotto tende semplici o in capanne primitive fatte di canne. Queste popolazioni furono poi assoggettate da potenti capi, che formarono due regni: l’Alto e il Basso Egitto. Verso il 3200 prima di Cristo i due regni si fusero ed ebbero un solo re o faraone. A cominciare da questo periodo si sviluppò una grande civiltà che, nei millenni della sua esistenza, eresse numerosi monumenti. Alcuni di essi possiamo vederli ancor oggi, ma i più sono andati distrutti o sono scomparsi sotto la polvere che il vento trascina nella valle del Nilo e che a lungo andare seppellisce anche i maggiori edifici.
L’abitante dell’antico Egitto credeva nella vita ultraterrena e la immaginava come continuazione della vita terrena. Di conseguenza, quando moriva, nella sua tomba venivano messe tutte quelle cose di cui avrebbe avuto bisogno nell’aldilà…”

Religione e Religioni. L’Essenza e il Mistero

Religione e Religioni. L’Essenza e il Mistero

Atti del Convegno Simmetria, 14 aprile 2018
Autore/i: AA. VV.
Editore: Simmetria
A cura di Antonello Colimberti pp. 196, ill. b/n, Roma

INDICE

GLI AUTORI

LA CONOSCENZA EMBRIONALE, IL BAMBINO, LA LUCE, IL MISTERO, di Francesca Antonacci

UN CONTRIBUTO AL PERENNIALISMO. CALENDARI LUNARI PALEOLITICI, di Antonio Bonifacio

GLI DÈI E IL SACERDOZIO DI ROMA, di Paolo Galiano

LA COMUNITÀ DEL SION E LA DIDACHÈ, di Vittoria Luisa Guidetti

EROS FRA ERMETISMO E RELIGIOSITA’, di Claudio Lanzi

L’INTUIZIONE DELLA DIVINITÀ NELL’UOMO SECONDO I PRINCIPI DEL BUDDHADHARMA, di Massimiliano A. Polichetti

Antonino Di Vita. Itinerari Mediterranei

Antonino Di Vita. Itinerari Mediterranei

Roma, 22 ottobre 2013
Autore/i: AA. VV.
Editore: Bardi Edizioni
pp. 264, ill. b/n, Roma

Indice

Comitato Ordinatore

Programma

A. Giuliano – Apertura dei lavori

V. La Rosa – La formazione e le scelte

G. Paci – Macerata, l’Università e l’arte del fare

F. M. Carinci – In Grecia, le opere e i giorni

P. Pelagatti – Antonino Di Vita e la Sicilia: da Siracusa a Camarina

G. Di Stefano – Acrillae, Scornavacche, Castiglione, Rito: le ricerche giovanili di Antonino Di Vita nella provincia di
Ragusa

N. Bonacasa – Per Sabratha

G. Rocco – Leptis Magna, tra sogno imperiale e realtà urbana

E. Lippolis – Antonino Di Vita a Gortina

M. Torelli – L’urbanistica antica nella produzione scientifica e nel pensiero di Antonino Di Vita

C. Gasparri – Antonino Di Vita. Problemi di scultura antica

S. Settis – Antonino Di Vita. Itinerari mediterranei

A. Quadrio Curzio – Conclusioni

M. A. Rizzo Di Vita (a cura di) – Bibliografia degli scritti di Antonino Di Vita

Scritti Autobiografici. La Mia Via alla Storia e Preghiere

Scritti Autobiografici. La Mia Via alla Storia e Preghiere

Autore/i: Huizinga Johan
Editore: Apeiron
A cura di Anton van der Lem.
Edizione italiana a cura di Gerrit Van Oord pp. 128, ill. a colori, Sant’Oreste (RM)

Johan Huizinga iniziò a scrivere le sue memorie, nelle quali prende in esame soprattutto la propria formazione di storico, quando aveva ormai settantun anni. Il testo, di dimensioni contenute ma che si contraddistingue per la lucidità con la quale l’Autore affronta l’argomento, abbonda inoltre di dettagli pregevoli nonché di osservazioni acute e venne dato alle stampe per la prima volta nel 1947. Persona notoriamente riservata, Huizinga ci svela in questo saggio il suo temperamento malinconico, mette in rilievo la sua sensibilità nei confronti di tutto quanto abbia avuto attinenza con la storia e non fa mistero delle sue ambizioni di carattere scientifico. Conclude, infine, illustrando la genesi delle sue opere storiche che considerava più rappresentative: L’autunno del medioevo ed Erasmo.

Oltre a La mia via alla storia, il volume contiene un altro testo inedito costituito dalle tredici preghiere che il celeberrimo storico scrisse nell’ottobre e nel novembre del 1944. Nelle preghiere egli fornisce una chiara dimostrazione della sua profonda fede in Dio, al quale si rivolge nei cupi giorni della seconda guerra mondiale.

La Scrittura, Proiezione del Carattere

La Scrittura, Proiezione del Carattere

La grafologia come strumento di indagine
Autore/i: Ploog Helmut
Editore: Epsylon Editrice
Traduzione di Elena Bracci Testasecca pp. 148, ill. b/n, Roma

La scrittura, proiezione del carattere, presentando in modo approfondito i vari aspetti della grafologia, si rivolge a due categorie di lettori: il grafologo esperto vi troverà un conciso e completo panorama della materia, mentre chi vi si accosta per la prima volta scoprirà un nuovo mondo grazie a questo pratico manuale scritto in modo professionale e rigoroso ma con un linguaggio scorrevole e facilmente comprensibile a tutti.
Conoscere il significato che la grafologia attribuisce alla dimensione o alla pressione di una scrittura, insieme ad altre caratteristiche come ad esempio l’inclinazione, la spaziatura o la direzione del rigo, può essere il primo passo per introdurre il lettore allo studio di questa affascinante disciplina che aiuta a comprendere meglio se stessi e gli altri.
Al fine di facilitarne la lettura, il libro è corredato da tavole e grafici oltre che da molti esempi di scritture: persone comuni ma anche personaggi molto noti nel campo delle arti, della letteratura, della scienza e della politica.

Il Grattacielo dello Yoga

Il Grattacielo dello Yoga

Presente e futuro di un’antropotecnica
Autore/i: Mori Luca
Editore: Epsylon Editrice
pp. 126, Roma

Yoga è parola dalla storia millenaria, che ha indicato aspirazioni tra le più diverse e metodi sofisticatissimi per modificare le proprie possibilità di esseri umani. Nel ventesimo secolo tuttavia qualcosa è cambiato: un boom senza precedenti nel numero dei praticanti e delle pratiche ha fatto dello yoga un fenomeno globalizzato e di massa, idealmente “alla portata di tutti”. Perché è accaduto e con quali conseguenze? È possibile individuare una “matrice” alla base delle innumerevoli trasformazioni? Quali tendenze evolutive stanno prevalendo e quali previsioni possiamo fare sul futuro? Infine: in che senso lo yoga si inserisce nella storia delle antropotecniche?
Il libro si propone di offrire materiali e interpretazioni interessanti sia per lo studioso delle antropotecniche, sia per l’insegnante di yoga, sia infine per il curioso e per il praticante agli inizi, che cerca di farsi un’idea del “mondo” in cui è entrato, caratterizzato da innumerevoli proposte; tutti potranno trovarvi elementi per disegnare una sorta di mappa del territorio, con suggerimenti pratici e indicazioni su come interpretare e analizzare gli scenari più recenti.

Homo Sacer

Homo Sacer

Edizione integrale 1995-2015
Autore/i: Agamben Giorgio
Editore: Quodlibet
pp. 1368, XVI tavv. a colori, Macerata

Solo ora, raccolti insieme nella loro integralità, i nove libri che formano il progetto Homo sacer acquistano il loro vero significato. Il fitto gioco dei rimandi interni, la ripresa incessante e lo svolgimento dei temi di volta in volta enunciati disegnano un’architettura imponente, articolata in quattro sezioni. Nella prima viene tracciato il programma di una messa in questione dell’intera tradizione politica dell’Occidente alla luce del concetto di nuda vita o di vita sacra (Il potere sovrano e la nuda vita, 1995). Nella seconda sezione questo programma viene svolto attraverso una serie di indagini genealogiche: (Iustitium. Stato di eccezione, 2003; Stasis. La guerra civile come paradigma politico, 2015; Horkos. Il sacramento del linguaggio, 2008; Oikonomia. Il Regno e la Gloria, 2007; Opus Dei. Archeologia dell’ufficio, 2012). La terza sezione sottopone l’etica alla prova di Auschwitz (Auschwitz. L’archivio e il testimone, 1998). La quarta sezione, infine, elabora i concetti essenziali per ripensare da capo l’intera storia della filosofia: forma-di-vita, uso, inoperosità, modo, potere destituente (Altissima povertà, 2011; L’uso dei corpi, 2014).
L’archeologia del pensiero politico e filosofico occidentale sviluppata nel progetto Homo sacer non si limita, infatti, semplicemente a criticare e correggere alcuni concetti o alcune istituzioni; si tratta, piuttosto, di revocare in questione il luogo e la stessa struttura originaria della politica e dell’ontologia, per portare alla luce l’arcanum imperii che ne costituisce il fondamento e che era rimasto, in esse, insieme pienamente esposto e tenacemente nascosto.
In questa edizione definitiva sono stati restituiti i titoli del progetto originale e sono state inserite le integrazioni – come la lunga nota sul concetto di guerra – e le correzioni volute dall’autore.

Tacito Vol. II

Tacito Vol. II

Autore/i: Syme Ronald
Editore: Paideia
Edizione italiana a cura di Angelo Benedetti.
Traduzione di Carla Marocchi Santandrea pp. 615-1128, Brescia

Detto con le parole di Alessandro Momigliano «il grande fascino di questo libro sta nella fusione dei tratti di Tacito con quelli di Ronald Syme», ed è questo che ne fa un libro duraturo che occupa un posto capitale nella letteratura tacitiana moderna. Il Tacito di Syme è non soltanto un’introduzione all’opera del celebre storico romano ma anche una grande descrizione della società romana del primo secolo, tanto avvincente quanto scevra da interpretazioni ideologiche.

INDICE

VII. L’EPOCA DELLA COMPOSIZIONE

VIII. L’AUTORE

IX. I NUOVI ROMANI

APPENDICI:

A. L’Anno 97

B. Consoli e Governatori

C. Senatori e oratori

D. Le Historiæ

E. Le fonti degli Annales

F. Stile e parole

G. L’argomento degli Annales

H. La data della composizione

I. I Romani provinciali

J. Le origini e gli amici di Tacito

ABBREVIAZIONI

BIBLIOGRAFIA

INDICE DEI NOMI

INDICE DEI PASSI IN TACITO

INDICE GENERALE DEL VOLUME

The Art of Sexual Magic

The Art of Sexual Magic

Autore/i: Anand Margo
Editore: Tarcher/Putnam
Illustrated by Atma Priti pp. 384, New York (USA)

The companion volume to Margo Anand’s best-selling The Art or Sexual Ecstasy, The Art or Sexual Magic takes the power of sexual energy to a new level, showing readers how to use erotic activity to achieve personal and spiritual growth. The author promises that once lovers learn to channel their intense sexual feelings into mutually envisioned goals, together they will bring about meaningful changes in every aspect of their lives.
Restoring a sense of sacred significance to the act of lovemaking, the practice of sexual magic also enables couples to celebrate the highest form of erotic communication. Sexuality becomes a way to honor both physical instincts and spiritual yearnings.

Il riso pianta degli dei

Martedì 30 ottobre 2018 alle 20.00
presso la Libreria Aseq in Via dei Sediari 10

Relatori: Emanuela Chiavarelli e Luigi Pellini

Il riso pianta degli dei
Miti riti tradizioni di un cereale sacro
Emanuela Chiavarelli e Luigi Pellini
Libreria Editrice Aseq

 

Cosa si cela dietro il mistero del riso “cibo mistico” che avrebbe permesso di sostituire i sacrifici di sangue con offerte tratte dal cereale? Perché tanti miti dell’antropologia religiosa fanno risalire le origini della pianta, spuntata dall’Albero della Vita, alla fase addirittura precedente la creazione umana?

In Italia la risicoltura sarà praticata solo dopo la metà del XIV secolo per culminare nel Rinascimento, quando a Milano il risotto allo zafferano diverrà il piatto privilegiato delle nozze nobiliari. Ma anche nella nostra penisola trapelano velate allusioni alla primordiale sacralità della pianta, come nella lombarda “Festa della Gibiana”: una sorta di arcaica Madre del Riso di origine celtica che viene arsa nella forma di pupazzo vegetale perché la pianta alimentare si rigeneri assicurando un buon raccolto nell’Anno Nuovo. L’indagine sui miti, riti e misteri del riso evidenzia il retaggio di una teurgia antichissima, riferibile alle dee “tazza-di-cibo” dello sciamanesimo ancestrale. Alla stessa archetipica religione degli antenati appartengono entità i cui riti, miti e leggende permettono di recuperare le vestigia di un culto risalente addirittura al Paleolitico.

Emanuela Chiavarelli, studiosa del sacro, ricerca nelle attestazioni dei riti, dei misteri, delle fiabe, delle tradizioni popolari, il retaggio di eventi che ispirarono i cerimoniali, i misteri e la religiosità dei diversi popoli. È autrice di libri come Il mistero del labirinto, Arlecchino dio, demone e re, La maschera e il Graal.

Luigi Pellini è ricercatore e studioso di sciamanesimo europeo e orientale. È autore assieme a Emanuela Chiavarelli di Arlecchino dio, demone e re.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti (60).

Per qualsiasi ulteriore informazione, è possibile contattarci direttamente allo 06 6868400 oppure, via email, all’indirizzo info@aseq.it

Exordium Magnum Cisterciense

Exordium Magnum Cisterciense

O narrazione dell’inizio dell’ordine cistercense
Autore/i: Corrado di Eberbach
Editore: Nerbini
A cura di P. Riccardo Spreafico pp. 352, Firenze

L’imponente opera scritta intorno al 1190 da Corrado, abate di Eberbach, è qui riproposta in italiano nell’interessante edizione di padre Riccardo Spreafico.

Il testo è una raccolta agiografica in sei libri sulle origini dell’Ordine Cistercense. Definito dagli studiosi una teologia per exempla della storia della salvezza, presenta la Chiesa e, in essa, il monachesimo di Citeaux come luoghi in cui si compie il disegno di Dio. Attraverso le gesta e la santità dei primi padri, i loro miracoli e i fatti prodigiosi che li vedono coinvolti, si mette in rilievo il valore sublime della vita cistercense in tutte le sue dimensioni, come via di conformazione a Cristo. Questo testo resta uno dei maggiori esempi di letteratura medievale,
che combina la narrazione storica con la raccolta di racconti morali, un vero e proprio libro di istruzioni sulla fioritura dei cistercensi a Clairvaux.

Quadri della Natura

Quadri della Natura

Autore/i: von Humboldt Alexander
Editore: Codice
A cura di Franco Farinelli con la collaborazione di Grazia Melucci.
Traduzione di Grazia Melucci pp. 484, ill. a colori e b/n, Torino

«Possano i miei Quadri della natura fornire al lettore una parte del piacere che una mente ricettiva trova nella contemplazione della natura. E poiché tale piacere risulta moltiplicato dalla comprensione dell’intima connessione delle forze naturali, ad ogni saggio sono state accluse delle spiegazioni e delle aggiunte scientifiche». In queste parole, che accompagnano la prima edizione dei Quadri della natura, scritti a Parigi dopo il viaggio in Centro e Sudamerica compiuto tra il 1799 e il 1804, risiede tutta la forza dirompente e innovatrice di questo libro e del suo autore. Esploratore, pensatore fuori dagli schemi, punto di riferimento della comunità scientifica del suo tempo, Alexander von Humboldt è stato il primo a osservare e descrivere l’ambiente come una rete globale in cui tutto è interconnesso, e a definire di fatto l’idea di natura che conosciamo oggi. Soprattutto gli viene riconosciuta l’invenzione del moderno concetto di paesaggio. I Quadri della natura rappresentano in questo senso un documento unico, un grande classico della letteratura scientifica – ma anche uno straordinario diario di viaggio – che rivive ora in una nuova edizione arricchita da splendide illustrazioni in bianco e nero e a colori.

La Germania

La Germania

Autore/i: Piccolomini E. Silvio (Pio II)
Editore: Edizioni Fussi
A cura di Gioacchino Paparelli pp. 116, Firenze

Estratto dalla Introduzione

Dopo circa un mese dalla sua nomina a cardinale,
Enea Silvio Piccolomini ricevette una lettera del dott. Martino Meyr, cancelliere dell’arcivescovo di Magonza, il quale, in tono tra confidenziale e minaccioso, lo informava del malcontento dei Tedeschi verso la Curia romana: il papa non rispettava i decreti di Costanza e di Basilea; le elezioni dei capitoli venivano quasi sempre respinte; si riscuotevano annate senza nemmeno concedere dilazioni; si concedevano benefici e spettative senza alcuna restrizione; si assegnavano le chiese al maggior offerente; si promulgavano indulgenze ad ogni occasione; si sottraevano ai tribunali tedeschi le cause di loro spettanza. Perciò – continuava il dottore tedesco – la Germania, già un tempo signora del mondo, era ora ridotta in miseria e schiavitù. Ma i capi della nazione eran decisi a scuotere il giogo e riacquistare l’antica libertà: sarebbe stata una vera sciagura per la Chiesa, se i principi dell’Impero riuscissero a mandare ad effetto i loro propositi….

Religione, Magia e Rito negli Studi di Marc Augé

Religione, Magia e Rito negli Studi di Marc Augé

Autore/i: Gatti Marzio; Tassi Monica
Editore: Ibis
pp. 116, Como-Pavia

L’antropologo Marc Augé appartiene a quella generazione di ricercatori sul campo che hanno avviato la propria carriera in Africa al momento della decolonizzazione, evento cruciale che ha imposto la necessità di una radicale rimessa in gioco dei fondamenti della disciplina etnologica.
Gli studi di Augé indicano la necessità di intraprendere percorsi di reciprocità culturale attraverso una nuova apertura sociale e simbolica, con alle spalle l’eredità di una disciplina ormai forte delle grandi esperienze intellettuali dello strutturalismo di Lévi-Strauss e davanti un mondo avviato verso la globalizzazione.
La sua ricerca è in grado di sollecitare nuovi raccordi interdisciplinari ponendo al centro dell’analisi un nuovo oggetto che è la pratica relazionale in cui confluiscono le definizioni antropologiche, le istituzioni sociali e le strutture simboliche. Ciò vale anche per l’ambito religioso, dove costruzioni interamente umane di tipo storico-sociale e insieme simboliche costringono a un confronto-scontro tra la presunta universalità religiosa e la tangibilità delle differenze profonde delle culture.

Osservazioni sulla Scrittura dei Bambini

Osservazioni sulla Scrittura dei Bambini

Autore/i: Manetti Elena
Editore: Epsylon Editrice
pp. 120, ill. a colori e b/n, Roma

L’importanza della scrittura manuale nella scuola primaria. Un tema impegnativo quanto stimolante, che qui è affrontato attraverso l’osservazione diretta. In che maniera i piccoli allievi occupano lo spazio rappresentato dal foglio? Come si presenta il tracciato grafico? Come avviene l’elaborazione della forma, e come si sviluppa la motricità? Particolare attenzione viene data ai “segnali di allarme”, reperibili nella scrittura dei bambini di oggi, che in genere rifuggono dalla disciplina, non riescono a concentrarsi, e sono spesso in competizione con se stessi oltre che con gli altri. Particolarmente utile ai grafologi, questo libro è interessante per chiunque si dedichi ai problemi e alle risorse dell’età dello sviluppo, a cominciare dagli insegnanti della scuola primaria.

Alchimia. La Chiave dell’Immortalità

Alchimia. La Chiave dell’Immortalità

Autore/i: AA. VV.
Editore: Demetra
A cura di Valerio Zecchini pp. 160, nn. ill. a colori, Colognola ai Colli (VR)

Un’arte che affonda le sue radici nella notte dei tempi. In Egitto, prima ancora che fossero erette le piramidi, un’élite di re sacerdoti conosceva la duplice strada della trasmutazione dei metalli e della rigenerazione dell’uomo. Un sapere sacro, formulato ai tempi della perduta Atlantide, che ha attraversato indenne la storia. Fulcanelli, Canseliet e Atorene sono i moderni depositari di un formidabile segreto che tramite i Templari e i costruttori di cattedrali è giunto fino a noi.

L’Intestino. Il Sesto Senso del Nostro Corpo

L’Intestino. Il Sesto Senso del Nostro Corpo

Alimentazione consapevole e biochimica della gioia
Autore/i: Rossi Pier Luigi
Editore: Aboca Edizioni
pp. 248, Sansepolcro (AR)

Ossessionati dalle calorie, succubi del marketing pubblicitario che promuove il consumo massiccio di cibo, viviamo ormai l’alimentazione solo in funzione del dimagrimento. È una visione riduttiva e limitata che dobbiamo superare, perché l’atto alimentare non è il mero calcolo delle calorie giornaliere.
In questo suo nuovo libro il dottor Pier Luigi Rossi illustra in modo semplice e chiaro le più aggiornate acquisizioni della scienza sul vitale rapporto tra intestino e cervello. E ci mostra come la felicità, la gioia o la tristezza nascono dalla biologia, correlata alla nutrizione molecolare e al metabolismo cellulare dell’intero sistema corporeo, non soltanto dai condizionamenti psicologici, sociali e affettivi.
“Ogni volta che ingeriamo degli alimenti” scrive Rossi “nel nostro corpo ha luogo un evento biologico che, a partire dall’intestino, coinvolge l’intero organismo: cambia la composizione batterica intestinale (ossia il microbiota, un organo metabolicamente attivo presente all’interno dell’intestino); cambia il metabolismo cellulare; cambiano il profilo ormonale e quello genico. L’intestino è in grado di modulare il sistema nervoso centrale (volontario e autonomo), il sistema immunitario, il sistema ormonale e l’intero metabolismo cellulare”.
Sulla base delle ricerche scientifiche più avanzate nel campo della scienza dell’alimentazione, questo nuovo studio di Pier Luigi Rossi indaga efficacemente il rapporto vitale e sistemico che intercorre fra intestino, microbiota, organo adiposo e cervello, e mette in luce come la salute di questi quattro organi sia sempre strettamente interconnessa.

Città e Porti dall’Antichità al Medioevo

Città e Porti dall’Antichità al Medioevo

Autore/i: Augenti Andrea
Editore: Carocci
pp. 180, ill. b/n, Roma

Cartagine, Ostia, Classe; e Marsiglia, Cesarea. E poi Dorestad, Quentovic, Londra, York, Birka… Il libro prende le mosse dai porti del Mediterraneo e dell’Europa, e da qui prosegue per descrivere e analizzare, attraverso lo sguardo dell’archeologo, le trasformazioni delle città e dell’economia tra la tarda Antichità e l’alto Medioevo. Il volume descrive il passaggio dal mondo globalizzato dell’impero romano, dominato dal sistema statale di controllo dei commerci, a quello più frammentato dell’alto Medioevo; da un’economia che individua il suo fulcro nel Mediterraneo a un nuovo circuito degli scambi, il cui baricentro si trova molto più a nord, sulle coste dell’Europa settentrionale. A più di ottant’anni dalla pubblicazione dell’opera di Henri Pirenne, “Maometto e Carlomagno”, il testo fa il punto su alcuni temi toccati dal grande storico, alla luce delle scoperte dell’archeologia. Un libro pensato come strumento per gli studi universitari, ma utile anche per chi voglia saperne di più su argomenti come la nascita dell’urbanesimo medievale, il rapporto tra città e commerci e, più in generale, la fine del mondo antico e l’inizio del Medioevo.

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002