Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Il Tempio nell'Uomo

di
Editore: Edizioni Mediterranee
Prezzo: € 19.5,00

Informazioni: prefazione dell'autore, traduzione, prefazione e cura di Paolo Lucarelli. - pp. 160, 22 foto e 28 disegni, Roma
Stampato: 2003-11-01
Codice: 978882721535

L’opera, scritta dopo una decina d’anni di indagini condotte sul tempio di Luxor e pubblicata per la prima volta nel 1949, presenta un esempio lampante e indiscutibile di leggi simboliche applicate all’architettura di uno dei più celebri santuari dell’Egitto faraonico. Fondato su rilevazioni di una precisione e minuzia mai raggiunte prima della ricerca archeologica, il testo di R.A. Schwaller de Lubicz analizza gli ampliamenti successivi del tempio di Luxor mettendoli in rapporto con le differenti parti ed età dell’uomo. Come la pianta delle cattedrali gotiche rappresenta il simbolo della croce, o la pianta della basilica di S. Pietro una chiave, così la figura sdraiata di Osiride rinascente si colloca molto bene sulla pianta del tempio di Luxor: i portali stanno al posto dei piedi, i due colossi del colonnato di Amon – che rappresenterebbero le cosce – al posto delle ginocchia, il peristilio sarebbe il ventre, l’entrata ipostila il petto e, infine, la testa si collocherebbe nel santuario coperto. Il tempio intero appare quindi come un’immagine dell’uomo, del microcosmo, una specie di proiezione morfologica dei princìpi del (macro)cosmo che sono situati in differenti luoghi del cielo; in esso ogni dettaglio ha valore perché lo scopo della costruzione è principalmente didattico, e il linguaggio usato per tramandare attraverso i millenni gli insegnamenti è eminentemente simbolico. Quest’opera di de Lubicz, per la prima volta presentata ai lettori italiani, appassionerà con le sue sorprendenti rivelazioni sulla saggezza e la scienza dell’antico Oriente, non solo gli esperti di egittologia ma anche tutti coloro che s’interessano alle conoscenze geodetiche, astronomiche e fisiologiche dell’antichità. È inoltre una appendice indispensabile ai lettori delle precedenti monumentali opere del grande egittologo francese, Il tempio dell’uomo e I templi di Karnak.

René Adolphe Schwaller de Lubicz (Asnières 1887 - Grasse 1961), laureato in ingegneria chimica, creò a Parigi il movimento dei Veilleurs al quale appartennero anche personalità quali P. Loti, H. Barbusse, P. Benoit, F. Leger, G. Polti. Legato da profonda amicizia al grande poeta lituano O.W. de Lubicz, ricevette da questi il diritto di far uso del titolo e del nome di famiglia. Grazie a contatti con scuole ermetiche, R.A. Schwaller fu iniziato all'Arte Regia, e creò nei pressi di St. Moritz un centro denominato Suhalia: una sorta di monastero iniziatico. Qui, insieme alla discepola Isha, divenuta sua sposa, si impegnò in vari esperimenti e ricerche. Decisivo per la sua realizzazione spirituale fu il soggiorno in Egitto, insieme ad Isha, durante il quale si consacrò alla ricerca della verità trasmessa dalle antiche testimonianze di pietra.

Il volume è disponibile

Aggiungi al carrello - Add to Cart Modalità di acquisto Torna alla pagina dei risultati
19.5,00 new EUR in_stock

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002