Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400

Luigi XIV

di
Editore: Garzanti
Prezzo: € 24,00

Informazioni: Traduzione dall'inglese di Marco Papi - pp. 704, Milano
Stampato: 1976-01-01
Codice: 900000005646

Nella storia del Potere - ma forse dovremmo dire semplicemente: nella Storia ... - Luigi XIV occupa una posizione eminente. «Culto delle personalità» è un'espressione del nostro tempo; se volessimo applicarla al passato dell'Europa, essa converrebbe, forse più che a chiunque altro, a colui che fu chiamato il Re Sole. Chi visiti le regge delle capitali europee, vi ritroverà la eco della prima e della più sontuosa fra tutte: Versailles. All'idea della regalità Luigi XIV diede non solo un Tempio (Versailles, appunto), ma anche uno stile e un contenuto nuovi. Voltaire fu il primo a porre il Re Sole al centro di un'epoca, intitolando una sua opera Il secolo di Luigi XIV; «secolo» che appariva, a Voltaire, di fioritura e di splendore. In realtà, se guardiamo più da vicino il periodo in questione, il suo mitologico fulgore si offusca, e ci accorgiamo di muoverci fra ombre, contraddizioni, crisi. I cattivi raccolti, e un ristagnare del commercio contro cui il ministro Colbert non cesserà di lottare, caratterizzano i primi anni del regno di Luigi XIV; seguì un'epoca di instabilità, congiure, irrequietezza dei partiti; infine, il fosco epilogo, durante il quale l'Europa intera sembrò muovere in armi contro un re stremato.
Eppure, queste vicende furono come riscattate dal sigillo che Luigi XIV vi impresse, dal suo emblema «solar ». La Francia su cui il Re Sole regnò era ricca di uomini di genio; alcuni di essi si piegarono a una sovranità totalitaria che sembrava trovare i suoi interpreti autorizzati persino nell'ambito del gusto letterario; altri resistettero; tutti, nella prospettiva dei posteri, finirono per unirsi al corteggio di quello che fu chiamato Siècle d'Or. Oltre a Corneille, a Racine, a Molière (i cui nomi bastano a suggerire l'insistente domanda di «spettacolo» che l'epoca rivolgeva ai suoi interpreti), a Pascal, agli altri, il «secolo» vide nascere il nuovo Stato militare e burocratico, fondato sulla rete degli «intendenti» che rappresentavano nelle province il potere centrale.

Quest'opera di John B. Wolf è una sua biografia. La definizione va intesa non in senso lato ma rigorosamente: è nel microcosmo della reggia che Wolf vede riflessi i grandi temi dell'epoca, e ancor più in quell'altro microcosmo che fu la psiche del re. Regine, ministri, nobili, mogli, amanti sfilano nelle pagine di questo libro, affabilmente descritti e insieme penetrati nella loro verità psicologica, secondo le migliori tradizioni della storiografia angìosassone (si veda, fra tanti, il ritratto di Madame de Maintenon). E in mezzo a tutti spicca la figura del re, colta nella sua sfuggente complessità, nel suo spartirsi tra autenticità e finzione, infine nelle sue inclinazioni religiose, di cui Wolf sa ben sottolineare il timbro sincero, e che fanno, di colui che fu l'abile manager del primo moderno Stato accentrato, anche un principe cristiano della tradizione, un frutto caratteristico dell'Europa del XVII secolo.

Il volume è disponibile in copia unica

Libro che può recare eventuali tracce d'uso.

Aggiungi al carrello - Add to Cart Modalità di acquisto Torna alla pagina dei risultati

Argomenti: Età Moderna, Biografie,

Segnaposto: luigi-xiv,

24,00 new EUR in_stock

Libreria ASEQ s.r.l. - Via dei Sediari, 10 - 00186 Roma - Tel. 06 6868400 - Partita IVA 08443041002